L’OTOPLASTICA, CHIRURGIA ESTETICA DELLE ORECCHIE O CORREZIONE DELLE ORECCHIE AD ANSA

L’otoplastica è l’intervento di chirurgia plastica noto più comunemente come chirurgia estetica delle orecchie, è una procedura chirurgica che consente di modificare la forma, le dimensioni e l’attaccatura delle orecchie migliorando l’armonia del viso e il proprio senso di autostima. Più esattamente la otoplastica consente di riposizionare e rimodellare le orecchie prominenti (cosiddette orecchie “a ventola”, “a sventola” o “ad ansa”) e di correggere difetti presenti dalla nascita o post-traumatici (mancanza o perdita parziale o completa dell’orecchio, orecchie troppo piccole o troppo grandi, lobo troppo largo o troppo lungo, ecc.)

Nelle Cliniche Hi Tech può essere eseguita Otoplastica o intervento di chirurgia estetica delle orecchie

L’OTOPLASTICA – CHIRURGIA ESTETICA DELLE ORECCHIE E/O CORREZIONE DELLE ORECCHIE AD ANSA

NEL MIGLIOR RISULTATO ED IN SICUREZZA, con i più moderni Sistemi ad Alta tecnologia (HI-TECH) con le Ultimissime: Tecniche di Medicina e Chirurgia Estetica Tecniche di Medicina Rigenerativa.

Presso la Clinica HI-TECH vengono utilizzati: i più Tecnologici Sistemi LASER, RF, IPL, HIFU, ecc. – Tecniche di Medicina e Chirurgia Estetica. – Medicina Rigenerativa in grado di ottenere risultati stabili e definitivi.

Solo in questo modo si ottiene la correzione personalizzata delle orecchie ad ansa dai risultati prevedibili.

L’OTOPLASTICA – CHIRURGIA ESTETICA DELLE ORECCHIE O CORREZIONE DELLE ORECCHIE AD ANSA presso la CLINICA HI-TECH di:

Roma, Milano, Napoli, Bologna, Firenze, Trieste, Padova, Perugia, Terni, Siena, Grosseto, Catania, San Marino, Tolentino, Spoleto, Civitanova Marche, Bari, Torino, Genova, Palermo, Venezia, Caserta

Salerno, Benevento, Reggio Calabria, Cosenza, Matera, Modena, Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Ravenna, Cesena, Forlì, Udine, Viterbo, Frosinone, Latina, Rieti, La  Spezia, Savona, Imperia, Bergamo

Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Pavia, Sondrio, Varese, Pesaro, Urbino, Ancona, Macerata, Fermo, Ascoli Piceno, Foggia, Brindisi, Lecce, Taranto, Alessandria, Cuneo, Novara, Asti,Palermo, Ragusa

Siracusa, Trapani, Messina, Olbia, Sassari, Cagliari, Arezzo, Lucca, Pisa, Prato, Pistoia, Livorno, Massa Carrara, Trento, Bolzano, Aosta, Belluno, Rovigo,  Treviso, Verona,  Vicenza.

L’OTOPLASTICA – CHIRURGIA ESTETICA DELLE ORECCHIE O CORREZIONE DELLE ORECCHIE AD ANSA

In questo video, della durata di pochi minuti, abbiamo riassunto le principali ragioni per cui già in molti prima di te hanno deciso di affidarsi a noi per l’OTOPLASTICA e la CHIRURGIA ESTETICA delle ORECCHIE

L’OTOPLASTICA chirurgica

L’OTOPLASTICA – CHIRURGIA ESTETICA DELLE ORECCHIE O CORREZIONE DELLE ORECCHIE AD ANSA

L’INTERVENTO DI OTOPLASTICA

Per otoplastica si intende l’intervento destinato alla correzione del padiglione auricolare sporgente o particolarmente grande. Più in generale si può dire che è l’intervento destinato alla correzione delle cosiddette orecchie a “sventola”.

L’intervento consiste nel modellamento della cartilagine auricolare o nell’asportazione di una sua parte. Con incisioni effettuate in sede retro auricolare, e suture spesso riassorbibili, tutto per essere poco visibile.

Le orecchie a sventola o prominenti possono essere corrette a qualsiasi età mediante l’intervento di Otoplastica.

Le “orecchie ad ansa” possono essere, specialmente nel bambino o nel giovane, causa di problemi psicologici e di socializzazione; la correzione chirurgica della malformazione può migliorare se non eliminare completamente le problematiche psicologiche ad essa connesse. Tale esito auspicato non deve essere però un’aspettativa del paziente in quanto la componente psicologica può avere altre cause ovviamente non correggibili con la terapia chirurgica.

Bisogna notare che le orecchie non sono mai esattamente uguali anche in situazione di assoluta normalità e quindi una perfetta simmetria rappresenta un’aspettativa irragionevole.

INDICAZIONI

1. padiglioni prominenti: padiglioni troppo scostati dal capo
2. orecchie ad ansa: parte superiore del padiglione ripiegata in basso e in avanti
3. orecchie a coppa: orecchie eccessivamente piccole ed accartocciate
4. orecchie a conchiglia: orecchie prive di alcune ripiegature cartilagineee
5. orecchie con lobuli ipertrofici o fissurati.
La correzione delle deformazioni delle orecchie è indicata a partire dagli 8 anni di età, ad avvenuto completamento dello sviluppo del padiglione auricolare.

VISITA PRE OPERATORIA E PREPARAZIONE

L’otoplastica è un intervento personalizzato, come tale, necessita di un’accurata visita specialistica. Durante la prima visita il chirurgo dovrà valutare la struttura cartilaginea e muscolare del vostro orecchio, la qualità della pelle e dei muscoli, la presenza di eventuali difetti estetici e funzionali, illustrarvi gli obiettivi con i risultati estetici che è possibile ottenere.

Il chirurgo dovrà inoltre valutare le vostre condizioni di salute per escludere la presenza di alterazioni (pressione alta, problemi di coagulazione o di cicatrizzazione) che potrebbero influire sul risultato finale dell’intervento. Al termine della visita il chirurgo, d’accordo con voi, sceglierà la procedura chirurgica più indicata.

Informare il chirurgo di qualsiasi eventuale trattamento con farmaci (soprattutto cortisonici, contraccettivi, antipertensivi, cardioattivi, anticoagulanti, ipoglicemizzanti, antibiotici, tranquillanti, sonniferi, eccitanti, ecc.);
2 settimane prima: sospendere assunzione di medicinali contenenti acido acetilsalicilico (es. Alka Seltzer, Ascriptin, Aspirina, Bufferin, Carin, Cemirit, Vivin C, etc.) o Vitamina E.

Eliminare il fumo almeno una settimana prima dell’intervento; segnalare immediatamente l’insorgenza di raffreddore, mal di gola, tosse, malattie della pelle.

Praticare un accurato bagno di pulizia completo; lavare i capelli; rimuovere lo smalto delle unghie delle mani e dei piedi.

Non assumere cibi dalla mezzanotte, si possono assumere liquidi chiari (the, acqua) fino a 6 ore prima dell’intervento.

PROCEDURA CHIRURGICA

La procedura chirurgica più comune; consiste nel praticare un incisione nel solco retro-auricolare per scoprire lo scheletro cartilagineo.

modellamento delle strutture cartilaginee mediante incisioni, asportazione e suture permanenti
Riduzione dell’ampiezza del padiglione: incisione lungo il solco anteriore del margine del padiglione (elice)
modellamento delle carilagini con eliminazione dell’eccesso di tessuto cutaneo e cartilagineo del padiglione
Le cicatrici, essendo posizionate nella parte posteriore dell’orecchio sono difficilmente visibili se non ad un attento esame.

L’operazione dura in media 1 o 2 ore e non è doloro L’intervento di otoplastica può essere eseguito tranquillamente in anestesia locale a cui può essere associata la sedo-analgesia.

POST-OPERATORIO

Dolore in corrispondenza delle parti operate nelle prime 24 ore.
Per i primi 3-4 giorni viene mantenuto un bendaggio elastico.
I punti di sutura vengono rimossi 8-10 giorni dopo l’intervento.
Dopo l’asportazione dei punti, non viene più applicata alcuna medicazione e potranno essere riprese le normali attività.
Nel corso delle prime 3 settimane postoperatorie deve essere indossata una benda elastica durante il riposo notturno.
Il gonfiore residuo regredirà nel giro di 4-6 settimane dopo l’intervento.

POSSIBILI COMPLICANZE

La chirurgia estetica delle palpebre è una procedura chirurgica semplice.
Quando l’otoplastica viene eseguita da un medico specialista in chirurgia plastica o chirurgo plastico esperto iscritto alle maggiori associazioni italiane di chirurgia plastica estetica, all’interno di strutture autorizzate, i risultati sono generalmente molto soddisfacenti.

Si tratta comunque di una procedura chirurgica vera e propria dove le complicanze sono rare, ma possono accadere ed essere agevolmente risolte.

Ematoma: può insorgere nelle prime 12-24 ore dopo l’intervento; viene eliminato con l’aspirazione della raccolta mediante un ago o la parziale apertura della ferita.

Infezioni: sono rare e dominabili con gli antibiotici

Le cicatrici cutanee sono poco visibili, perché generalmente situate nella parte posteriore del padiglione o nascoste nel solco retroauricolare.

Cicatrici ipertrofiche (arrossate e rilevate): possono imprevedibilmente svilupparsi in pazienti con una eccessiva reattività cutanea o in caso di infezione della ferita. Andranno trattate con specifiche pomate ed eventualmente con infiltrazioni di cortisone e/o laserterapia.

RISULTATI

I risultati dell’otoplastica sono generalmente molto graditi in quanto l’intervento non solo modifica la conformazione dei padiglioni, ma conferisce un aspetto più armonioso all’intero volto.

Dopo 7-10 giorni potrete riprendere la vostra attività lavorativa se non eccessivamente faticosa. A partire dalla terza settimana potrete riprendere progressivamente a svolgere tutte le normali attività compresa quella sportiva. Il risultato, apprezzabile già dopo le prime tre settimane, sarà definitivamente raggiunto a distanza di 3-6 mesi dall’intervento.

I limiti dell’intervento sono riconducibili a talune possibili imperfezioni, quali una lieve asimmetria nell’apertura dei due padiglioni (spesso fisiologica) o nella loro conformazione fisiologica.

DOMANDE FREQUENTI

IN COSA CONSISTE L’INTERVENTO DI OTOPLASTICA?

L’otoplastica è un intervento chirurgico abbastanza semplice e assolutamente indolore. Viene praticata in regime di ambulatory surgery e dura circa un ora e mezzo-due ore.
Le incisioni necessarie a riposizionare le orecchie vengono effettuate dietro il padiglione auricolare e risultano quindi invisibili perché nascoste dai capelli.

CHI PUO’ OPERARSI?

L’otoplastica è un intervento che può essere eseguito su qualsiasi paziente, anche molto giovane. Le orecchie a sventola, infatti, costituiscono un difetto estetico che può condizionare profondamente la vita sociale del paziente ed essere fonte di disagio già in tenera età.
Per questo motivo l’operazione di otoplastica può essere eseguita anche sui bambini a partire dai 6 anni, età in cui generalmente essi prendono realmente coscienza della propria fisionomia e possono farsi portavoce del proprio disagio interiore.

l’INTERVENTO PER CORREGGERE LE ORECCHIE A SVENTOLA E’ DOLOROSO? IL RISULTATO SARA’ NATURALE?

L’otoplastica non è un intervento doloroso. L’intervento viene generalmente eseguito negli adulti e negli adolescenti in anestesia locale con sedazione.
Il risultato estetico è generalmente molto buono e naturale se l’intervento è eseguito da uno specialista in chirurgia plastica esperto nel modellamento del padiglione auricolare.

DOPO L’INTERVENTO DI OTOPLASTICA, POTRO’ LEGARMI I CAPELLI O RISCHIO CHE SI VEDANO LE CICATRICI?

Nell’otoplastica le incisioni sono assolutamente invisibili in quanto rimangono nascoste dietro il padiglione auricolare.

QUANDO POTRO’ FARMI LA DOCCIA?

Dopo aver tolto la medicazione “a turbante” che viene applicata al termine dell’intervento di otoplastica e che deve essere mantenuta per circa due giorni, potrete lavare delicatamente le orecchie anche per tenere pulite le ferite, ma per fare la doccia occorrerà attendere almeno dieci giorni in modo che le incisioni si siano cicatrizzate. Il bagno in mare o in piscina è consigliato dopo almeno un mese.

QUANDO POTRO’ RIMETTERMI GLI OCCHIALI?

Dopo l’intervento di otoplastica è sconsigliato l’uso degli occhiali per almeno un mese. L’incisione viene comunque fatta dietro il padiglione auricolare e quindi non ci saranno problemi a indossare gli occhiali, una volta che i tessuti si siano consolidati.

HO SEMPRE AVUTO L’ABITUDINE DI PORTARE DEGLI ORECCHINI MOLTO PESANTI CHE CON IL TEMPO MI HANNO DILATATO ED ALLUNGATO IL FORO DEI LOBI. COSA SI PUO’ FARE?

Questo difetto può essere corretto mediante un intervento di chirurgia plastica che consente di richiudere il foro e riparare il lobo. Dopo alcune settimane dall’intervento è possibile praticare un nuovo foro leggermente spostato rispetto al precedente per non traumatizzare nuovamente i tessuti appena riparati.

L’INTERVENTO DI OTOPLASTICA PUO’ COMPORTARE RISCHI PER L’UDITO?

No perché l’intervento interessa solamente il padiglione auricolare e non tocca l’orecchio interno.

L’OTOPLASTICA PUO’ ESSERE ESEGUITA CON IL LASER? L’USO DEL LASER CHE VANTAGGI COMPORTA?

Il laser può essere usato nella otoplastica per sostituire il bisturi al momento dell’incisione iniziale, ma non comporta alcun particolare vantaggio in quanto la cicatrice rimane la stessa e la riuscita dell’intervento dipende dall’abilità del chirurgo nel modellare e suturare la cartilagine del padiglione auricolare e non nell’incisione praticata.

TRATTAMENTO CON EARFOLD

earFold® corregge in modo permanente le orecchie prominenti, orecchie a sventola o sporgenti anche asimmetriche, mono o bi-lateralmente sia negli adulti che nei bambini dai 7 anni d’età.
La procedura prevede un piano di trattamento personalizzabile, attraverso l’utilizzo di preFold infatti è possibile visualizzare in anteprima il risultato e prevedere il grado di correzione ottenibile. In base a questa valutazione, il medico determinerà:

  • il numero ottimale di impianti da utilizzare;
  • la posizione per ottenere il risultato desiderato.

www.otoplastica-non-chirurgica.it

Prima e dopo il trattamento di OTOPLASTICA

PRIMA / DOPO
OTOPLASTICA

PRIMA / DOPO
OTOPLASTICA

PRIMA
OTOPLASTICA

DOPO
OTOPLASTICA

Trattamenti Medici Alta Tecnologia

Rimozione Cicatrici

Il futuro attuale è la laserterapia con laser frazionale Erbium Glass con tecnica “fototermolisi frazionale”. Il trattamento non è invasivo, tutto in solo due giorni di rossore, senza  allontanari assolutamente dal lavoro.

Rimozione Smagliature

Grazie alle più recenti ricerche nel campo delle tecnologie laser è oggi possibile trattare in modo non chirurgico e indolore molte delle smagliature antiestetiche Esistono diverse tipologie di laser, ciascuna adatta ad uno scopo preciso.

Rimozione Macchie Cutanee

La macchia è una alterazione del colore della pelle, può avere diversi colori ed essere più o meno scura in base alla quantità di melanina. La terapia hi-tech con laser frazionale capace di riparare l’epidermide e rigenerare il derma con un tessuto sano.

Epilazione Medica Definitiva

Consiste nell’utilizzo di più apparecchiature (sistemi laser/IPL) per paziente. Non più un laser per tutti i pazienti, ma tanti laser per lo stesso paziente, con un solo obiettivo: realizzare l’epilazione medica permanente nel più breve tempo possibile.

Rimozione Medica Tatuaggi

I laser utilizzati fino a poco tempo fa si sono rivelati inutili, spesso molto deleteri. L’avvento dei laser Q-switched a più lunghezze d’onda ha rivoluzionato le tecniche per la rimozione dei tatuaggi, permettendo di ottenere risultati ottimi, ripetibili e sicuri.

Ringiovanimento Medico

Il futuro attuale è la laserterapia con laser frazionale Erbium Glass con tecnica “fototermolisi frazionale”. Il trattamento non è invasivo, tutto in solo due giorni di rossore, senza  allontanari assolutamente dal lavoro.

Rimozione Lesioni Cutanee

È un trattamento medico finalizzato al recupero di un aspetto giovane della pelle eliminando le lesioni utilizzando sinergicamente sistemi laser, tecniche di medicina e chirurgia estetica e medicina rigenerativa in grado di ottenere risultati stabili e definitivi.

Rimozione Lesioni Vascolari

Esistono differenti tipi di lesioni vascolari ed ognuno riconosce il suo tipo di trattamento specifico con il laser più indicato. Ogni laser ha il suo principio di funzionamento specifico e ha indicazioni altamente specifiche.

Ringiovanimento Vaginale

Se anche tu lamenti i disturbi comunemente collegati all’atrofia vaginale, sappi che da oggi puoi ottenere un nuovo equilibrio attraverso il recupero della fisiologia genitale e il sollievo dai sintomi di cui soffri quotidianamente.

Rimozione Nei

I Nei, sono formazioni cutanee considerate tumori cutanei benigni, con una crescita in eccesso di un determinato tipo di cellule che però non rappresenta un pericolo diretto per il soggetto. In alcuni casi, i nei sono in grado di degenerare.

Rimozione Xantelasmi

Il termine Xantelasma si riferisce ad un deposito di colesterina, nettamente delimitato sotto la pelle/cute di solito sopra od intorno alle palpebre. Anche se non risulta né dannosa né dolorosa, questa piccola escrescenza può essere rimossa.

Rimozione Rinofima

Il Rinofima è un’alterazione della struttura cutanea del naso, con lenta e progressiva evoluzione, fino ad un ingrossamento sproporzionato del naso, che assume una forma bulbosa e bitorzoluta. Patologia, che insorge di più nell’uomo.

Filler e Botox – RINGIOVANIMENTO del VISO

Con il passare degli anni perdiamo la freschezza della nostra pelle. Il nostro aspetto esteriore non rende giustizia alla vitalità che sentiamo dentro di noi. FILLER e BOTOX attenuano con armonia le rughe, riportando alla luce la naturale BELLEZZA del nostro viso.

Rimozione Capillari delle Gambe

Il trattamento può essere eseguito con la Tecnica Sclerosante, con la Tecnica Laser o con la Tecnica Sclero-Muss-Laser che è il frutto della combinazione della pratica sclerosante in associazione alla laserterapia. Questa Metodica permette di eliminare completamente tutti i capillari delle gambe.

Rimozione Grasso

La Rimozione del Tessuto Adiposo viene eseguita con diverse tecniche: PROCEDURE NON CHIRURGICHE HI TECH: Endolipolisi, Endo Laser, Ultrasuoni, HIFU Microfocalizzati e Macrofocalizzati, Ultrashape, Criolipolisi, Laser 1060 Sculpsure, SlimMe, EnCurve.

Rimozione Cellulite

La Rimozione della CELLULITE viene eseguita con diverse tecnologie, tutte metodologie SENZA CHIRURGIA. Di recente, i trattamenti invasivi come la liposuzione vengono messi da parte a favore dei trattamenti estetici non chirurgici.

© Copyright - Otoplastica chirurgica